Home iniziative ed eventi Dettagli - 10 novembre Omaggio a Barbara Strozzi

iniziative ed eventi

Evento 

Titolo:
10 novembre Omaggio a Barbara Strozzi
Quando:
10.11.2019 - 10.11.2019
Dove:
Studio Teologico Basilica di Sant'Antonio - Padova -
Categoria:
XXXVI Stagione musica 2019/2020

Descrizione

Preziosità seicentesche per lo spettacolo
La contesa del canto e delle lagrime
Omaggio alla compositrice veneziana Barbara Strozzi
Il Circolo della Lirica di Padova vede il sorgere di una felice collaborazione con il conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.
In occasione del quattrocentesimo anniversario della nascita della compositrice veneziana Barbara Strozzi, il regista e direttore artistico del circolo Marco Bellussi ha ideato un pomeriggio musicale volto a rievocare le atmosfere della Accademia degli Unisoni.
La esecuzione delle raffinate musiche seicentesche sarà affidata agli allievi della professoressa Cristina Miatello, docente di canto presso il conservatorio veneziano.

Interpreti
Caterina Chiarcos soprano
Maria Chiara Ardolino soprano
Chiara De Zuani cembalo
Dario Pisasale tiorba
Simonetta Flauto Valver, attricei
Marlon Zighi Orbi, attore
selezione testi Marco Bellussi e Cristina Miatello

Le musiciste italiane, soprattutto veneziane e in particolare del Seicento, erano richieste in tutta Europa;  viaggiavano come i musicisti uomini e alternavano il lavoro di compositrici a quello di esecutrici e cantatrici.   Barbara Strozzi, compositrice seicentesca e grande talento musicale del Barocco italiano e di cui abbiamo una ricca biografia, era la più importante tra tutte.. Delle altre non è rimasto quasi nulla ... lasciate nell'oblio.Nata nel 1619 a Venezia, Barbara Caterina venne battezzata il 6 agosto di quell’anno. L'avvocato Giulio Strozzi, fra i poeti e librettisti più celebri del Seicento, l’adottò nel1628, come “figliuola elettiva”, ed è certo che fosse davvero sua figlia, e venne chiamata Barbara Valle.  Accortosi ben presto delle doti della giovane, Giulio Strozzi  incoraggiò il talento della piccola Barbara, arrivando persino a istituire una accademia in cui le esibizioni della  figlia potessero trovare ampio spazio. Il canto non era il suo unico talento e le sue doti musicali la portarono verso la composizione. Il padre le organizzò un ciclo di lezioni con l’affermato compositore e amico Francesco Cavalli. Dotata di una splendida voce e di un notevole fascino, riuscì presto ad emergere, diventando la musa ispiratrice di un gran numero di artisti e letterati che frequentavano casa Strozzi, sede dell’Accademia degli Unisoni. Tale istituzione musicale era stata fondata nel 1637 da Giulio Strozzi, molto probabilmente per promuovere le attività della figlia, come branca della più ampia Accademia degli Incogniti, sodalizio attorno al quale gravitavano gli intellettuali del periodo. Ma, oltre ad avere delle notevoli qualità vocali, Barbara Strozzi fu anche una discreta compositrice; si distinse per il maggior numero di composizioni di musica vocale profana stampata a Venezia e per aver raccolto le sue composizioni in un unico volume. La sua produzione contiene quasi esclusivamente musica vocale profana, composizioni con testi molto poetici,  scritte prevalentemente per soprano. Il suo talento non le favorì la simpatia di alcuni colleghi, di certo invidiosi, e qualcuno la calunniò additandola come cortigiana.




Luogo

Luogo:
Studio Teologico Basilica di Sant'Antonio - Padova

chi è on line

 41 visitatori online

Cerca


www.yoursite.com
Circolo della lirica