Circolo della lirica
Accademia di canto 2019

 
Dal Masterclass e audizioni a Quadri da Così fan tutte - Teatro lirico 5 e 6 settembre

PADOVA – Di Athos Tromboni
Tutto d'un colpo, domenica 30 agosto 2015: audizioni per selezionare i cantanti lirici dei concerti e per selezionare gli idonei alla Masterclass che il Circolo della Lirica di Padova ha organizzato (quinta edizione) affidando le docenze al regista Stefano Vizioli e ad Alessandra Althoff Pugliese, insegnante di canto presso l'Università di Salisburgo, luogo quanto mai prestigioso per l'opera lirica.
La giuria tecnica, oltre che dai due docenti della Masterclass, era composta da Christophe Blugeon, direttore artistico Soirée Lirique Opera de Sanxay, Agostino Taboga regista, Nicola Simoni direttore d’orchestra, Nicoletta Scalzotto, presidente del Circolo della Lirica di Padova, e dal sottoscritto in qualità di giornalista e presidente dell'Uncalm. Al pianoforte sedeva, in qualità di maestro collaboratore, Marco Simionato. Si sono presentati una cinquantina di candidati provenienti da Italia, Usa, Cina, Giappone, Francia, Belgio, Svizzera, Croazia, Russia, Corea, Gran Bretagna, Scozia, Germania, Francia e il compito della giuria è stato quanto mai laborioso perché si trattava di scegliere intanto le voci più adatte per un repertorio concertistico a 360 gradi e poi quelle specificamente adatte per l'opera Così fan tutte di W. A. Mozart che, dopo la relativa Mastercalss, sarebbe stata realizzata come "quadri da..." che è formula consueta per mostrare al pubblico il risultato di un qualsivoglia  percorso di perfezionamento nel canto lirico. I "quadri da... Così fan tutte"  sono andati in scena, infatti in due appuntamenti organizzati dal Circolo della Lirica:  il primo è stato sabato 5 settembre a  Brugine e il secondo domenica 6 settembre a Palazzo Zacco Armeni a Padova.
Leggi tutto...
 
15 dicembre 2018 Concerto di Natale

 
Sabato 19 gennaio 2019 Giulio Alvise Caselli

Primo appuntamento musicale 2019 del Circolo della Lirica di Padova … a tu per tu con il baritono Giulio Alvise Caselli, una voce tra Italia e Germania

Sabato 19 gennaio, ore 16,00 straordinaria presenza al Circolo della Lirica di Padova del giovane e già celebre baritono ferrarese Giulio Alvise Caselli. Da anni nei cast delle compagnie stabili dei Teatri tedeschi, Caselli, eccellente interprete e di forte impatto scenico, ha già raccolto tanti consensi di critica e di pubblico nella carriera che si snoda tra Italia e Germania.
Il regista Marco Bellussi introduce l’artista e lo conduce nel racconto biografico anche attraverso l’interpretazione delle arie dei più celebri personaggi dell’opera lirica che gli hanno tributato tanti consensi. Nato a Ferrara nel 1979, Giulio Alvise Caselli inizia lo studio del canto sotto la guida della madre, il soprano M. G. Munari e prosegue alla Hochschule für Musik und Theater (Monaco di Baviera) e successivamente con autorevoli docenti, aggiudicandosi, da subito, importanti riconoscimenti. Dal 2006 è solista all’Opera di Dortmund, poi al Landestheater di Linz e da 2011 al Teatro dell'Opera di Augusta. I suoi numerosi impegni lo hanno portato a esibirsi nei più famosi teatri del mondo e partecipare a numerosi Festival di Musica, tra cui nel Don Giovanni alla Biennale di Venezia, che è stato trasmesso anche su RAI3 televisione italiana. Caselli svolge una vivace attività concertistica ed è docente di Canto presso la facoltà di Pedagogia Musicale dell'Università di Augusta.
Nel corso del pomeriggio saranno eseguite arie da Schubert, Mozart, Gounod, Korngold…
Al pianoforte il M° Alberto Boischio

Patrocinio Regione del Veneto, Provincia di Padova, Città di Padova. In collaborazione con Reteventi
Prenotazione obbligatoria ai numeri ai numeri  349 802 6146 - 348 905 1968 - Info: www.circolodellalirica.it
 
Quadri da Così fan tutte di W A. Mozart

È la fede delle femmine come l’Araba fenice: che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa!" Così fan tutte, o La scola degli amanti, è la terza e ultima delle tre opere buffe scritte dal genio salisburghese, dopo Le nozze di Figaro (1786) e Don Giovanni (1787), rappresentata a Vienna nel 1790, quasi al termine di quello che verrà poi definito come il noto decennio d’oro del grande compositore austriaco, poco prima della sua morte. L’opera continua a piacere anche oggi e il segreto della sua longevità è nella magia della musica mozartiana, nel raffinato gioco linguistico, nella storia arguta e intrigante di una scommessa pericolosa, raccontata con maestria dai versi di Lorenzo Da Ponte, che mette alla prova la saldezza dei sentimenti per rivelare tutta la fragilità dell’essere umano. Si tratta, infatti, di dramma brioso edificato su un divertente gioco di simmetrie e di scambio di coppie, ma è anche  un’opera straordinariamente complessa sul senso dell’amore e sulla fedeltà femminile. Sul palco un cast internazionale di 20 giovani artisti reduci da una settimana di preparazione/ formazione intensiva, ovvero della V edizione Masterclass internazionale per cantanti, registi e pianisti accompagnatori,sotto la guida di due prestigiosi maestri che hanno calcato i palcoscenici dei più grandi teatri d’Italia e del mondo, il regista Stefano Vizoli e la sign. Alessandra Althoff Pugliese, docente di canto presso la prestigiosa Universität Salzburg


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 51

chi è on line

 50 visitatori online

Cerca


www.yoursite.com
Circolo della lirica