Venerdi 18 marzo - La musica italiana d’anteguerra: le canzoni di Bixio e Cherubini
Violino tzigano, Mamma, Tango delle capinere e Vola colomba sono canzoni evergreen entrate nella storia della musica leggera italiana e interpretate, ancora oggi, a ogni latitudine del mondo. Tutte portano la firma della coppia di riferimento della musica leggera italiana d’anteguerra  Cesare Andrea Bixio e Bixio Cherubini (Leonessa 1899 – Milano 1987).
Il musicologo prof.  Paolo Padoan, con filmati e ascolto di pezzi celebri, Venerdì 18 marzo, ore 17.30 ripercorrerà la storia degli autori di quei brani musicali,  tratteggiando lo spessore artistico dei due compositori  e mettendo in luce  l’apporto che hanno dato, sotto diversi profili, alla cultura e alla musica italiana.
Patrocinio Regione del Veneto – Provincia di Padova – Città di Padova. Reteventi di Padova
Palazzo Zacco Armeni – Prato della Valle, 82 Padova
Ingresso libero con prenotazione ai numeri 3498026146 – 335 6303408
Cesare Andrea Bixio (Napoli 1896 – Roma 1978), napoletano, pronipote del generale Nino Bixio, uomo dalla spiccata sensibilità creativa, autore di colonne sonore per il teatro, il cinema, la radio e la televisione,  è stato un artista a tutto tondo, innovatore della cultura e dello spettacolo e, al tempo stesso, uomo dalle grandi intuizioni commerciali e imprenditoriali in campo editoriale. Ha collaborato con artisti del futurismo ed è stato il primo autore italiano a produrre canzoni anche per i più celebri interpreti del varietà francesi  tempo, alimentando così il legame tra le città di Napoli e Parigi, a quel tempo, capitali della cultura. A partire dal 1909, compone più di 500 canzoni,  tra cui Mamma, Parlami d’amore Mariù, Vivere e Tango delle capinere, Scintilla, Ferriera, i cui versi portano la firma di Bixio Cherubini, e realizza 150 colonne sonore e canzoni per  film,  interpretati  dai “giganti del cinema”, quali De Sica, Totò, Anna  Magnani, Elsa Merlini, Macario,   e dalle grandi voci operistiche dell’epoca, come Beniamino Gigli.
Nel  1923, grazie all’amico Trilussa, incontra a Roma, il paroliere e compositore Bixio Cherubini (Leonessa 1899 – Milano 1987), incontro che segnò l’avvio di una lunga e prolifica collaborazione e  grandi successi. Insieme scrissero  Tango delle capinere, La canzone dell'amore, Trotta cavallino, Violino tzigano, La mia canzone al vento e, soprattutto, Mamma, e altre  arie celeberrime per le canzoni dei divi del momento quali Carlo Buti, Luciano Tajoli, Silvana Fioresi, Oscar Carboni, Beniamino Gigli e Natalino Otto.
 

chi è on line

 58 visitatori online

Cerca


www.yoursite.com
Circolo della lirica