Circolo della lirica
Papageno al Circolo della Lirica: Giorgelè bass-bariton

Con l’avvento della tv digitale anche “mamma” RAI ha ampliato la propria piattaforma aggiungendo ai canonici RAI 1, RAI 2 e RAI 3 i recenti RAI 4 e RAI 5. Quest’ultimo, in particolare, è uno dei più interessanti e seguiti canali televisivi per la variegata offerta di programmi culturali tra i quali spicca, finalmente per noi melomani, l’opera lirica. Ogni domenica mattina, con replica nella notte tra il sabato e la domenica successivi, RAI 5 presenta, con una sola interruzione pubblicitaria, conosciute o rare edizioni d’opera ben confezionate e, solitamente, cantate ad arte. Inoltre, come è avvenuto in occasione di eventi particolari, trasmette le serate inaugurali di grandi teatri d’opera.

Nel mese di ottobre, in diretta dal Carlo Felice di Genova, per la stagione 2011/12, il nuovo canale tematico ha portato nelle nostre case un colorato e fiabesco Flauto Magico che contemplava tra i suoi interpreti il bass-bariton Dario GIORGELÈ nel singolare ruolo di Papageno, timoroso “uccellatore” mozartiano, che domenica 25 marzo, nei saloni di palazzo ZACCO, ha cantato ed incantato i numerosi Soci puntualmente presenti al consueto e piacevole pomeriggio organizzato dal Circolo della Lirica di Padova. Il gradito ma breve concerto, preludio all’annuale Assemblea dei Soci quest’anno chiamata a rinnovare le cariche del Presidente e del Direttivo, ha visto un poliedrico GIORGELÈ inondare con la sua presenza scenica il nostrano palcoscenico confermando di possedere ottime doti interpretative che gli hanno consentito di ottenere l’ennesimo lusinghiero successo così come è avvenuto nella citata performance genovese. di Paolo Lerro

Leggi tutto...
 
Assemblea dei soci: nomina presidente e rinnovo del direttivo

Domenica 25 marzo 2012, nella salone delle feste di Palazzo Zacco Armeni, si è svolta l’Assemblea annuale dei soci per per l’approvazione del rendiconto economico- finanziario, il rinnovo del direttivo  e l’elezione del nuovo presidente.

Dopo la relazione morale del presidente uscente, Maria Angela Giulini, che ha toccato le  tematiche più importanti che riguardano la vita dell’ultimo anno della nostra associazione, la parola è passata al tesoriere, Arturo Pimpinato che ha illustrato il rendiconto economico e finanziario annuale.

Nella seconda parte dell’incontro, l’Assemblea dei soci è stata chiamata a votare il nuovo Direttivo e il Presidente, che resteranno in carica per il prossimo triennio.

Presidente: Nicoletta Scalzotto.

Direttivo: Danieletto Gianfranco, Iaccarino Giuseppe, Lerro Paolo, Margarone Salvatore, Mario Lucia Daniela, Molinari Maria Angela, Nalon Wilma, Pimpinato Arturo, Valveri Flauto Simonetta

 

 
Galà dell'operetta -Elisabetta Battaglia e i suoi allievi

 
Concerto buffo: … del matrimonio, l’amore … e le donne

Dario Giorgelè

Nuovo appuntamento musicale

Domenica 25 marzo, ore 16.00

Palazzo Zacco Armeni, via Prato della Valle, 82


Concerto buffo: … del matrimonio, l’amore  … e le donne


...dopo un inizio speranzoso, le cose precipitano come spesso accade! Niente può salvar l'amore stesso, nemmeno    l'Elisir, nè tanto meno il tentativo di cambiar sesso!!!


 

 

con la partecipazione di Dario Giorgelè - baritono e Bruno Volpato al pianoforte


In programma arie da opere celebri di Rossini, Donizetti, Ferrai, N. Rota, ...


Ingresso Libero

 
3 dicembre 2011 - Gazzettino di Padova - Niente soldi; annullato il concorso “Corradetti” Colasio: “non ho colpa se è sforato il budget”
Brusco cambio di programma per il concorso intitolato al soprano Iris Adami Corradetti: in forse per tutta l’estate, confermato dal Circolo della Lirica e dal Comune in settembre pur se posticipato da ottobre a dicembre, è stato annullato. Niente selezione dei cantanti provenienti da tutto il mondo, niente giuria di esperti, già ridotti di numero nella passata edizione, e soprattutto niente concerto dei finalisti al Verdi.”Fino all’ultimo abbiamo cercato di sostituire la finale del concorso con un gala” racconta la vice presidente del Circolo Nicoletta Scalzotto. “Pensavamo ad una serata commemorativa, ma siamo troppo a ridosso del periodo natalizio, mancano fondi quindi non se ne fa niente - aggiunge Edoardo Castellan, del settore Manifestazioni del Comune - restituiremo i soldi del biglietto dal 13 al 30 dicembre, per rimandare l’appuntamento con il concorso all’anno prossimo”. Gli amanti del bel canto potranno consolarsi con la Bohéme, in scena dal 23 al 29 dicembre al Verdi. Non si dispera l’assessore alla cultura Andrea Colasio, notoriamente contrario al terzo polo della lirica accanto ai due colossi di Verona e Venezia: “di certo la colpa non è mia. Il Comune ha stanziato, nonostante il periodo di magra, una somma consistente, di 200 mila euro, perché il Circolo della Lirica potesse allestire sia due opere con il Li.Ve, sia il concorso, nonostante avessi suggerito una cadenza almeno biennale. Ma ha sforato il budget, che contava anche su finanziamenti di Regione e Ministero. Evidentemente erano abituati a spendere e poi qualcuno pagava, ma i tempi sono cambiati. Il concorso non si farà perché hanno speso tutto? Rispetto la loro decisione.
Commento
Qualsiasi commento relativo alla palese ipocrisia delle parole dell’assessore e al danno di immagine all’associazione ci sembra inutile. L’assessore Colasio non sa che se una manifestazione è gestita direttamente dal Comune la sua gestione economica ricade solo ed esclusivamente su di esso e che un’associazione per essere responsabile dovrebbe ricevere un incarico o un contributo, ma nel secondo caso il Comune dovrebbe dare solo il patrocinio e non essere l’Ente organizzatore. Il Circolo della Lirica sostiene la Stagione solo dall’esterno dando il suo contributo alla diffusione della notizia e con le presenze in teatro, non conoscendo neppure il cast se non alla sua presentazione alla stampa. È molto strano che come Amministratore pubblico non sappia queste cose e non sappia neppure che al Circolo non viene dato nessun contributo dal momento del di lui insediamento quale assessore alle politiche culturali gravato dal suo disinteresse per la Lirica.
Risposta del  Circolo -  pubblicata sul  Gazzettino del 2 8-12-2011
Il Circolo della Lirica di Padova che è presente dal 1983 nella Città che vanta una storia di più di cinquecento anni di lirica (dalla nascita del melodramma a oggi) negli ultimi tre anni opera senza alcun contributo né pubblico né privato. Esso deve la sua vitalità ai numerosi soci che lo sostengono con le quote annuali e per essi, come per tutti gli appassionati che lo vogliano, organizza concerti mensili domenicali al Circolo Unificato dell’Esercito, unico Ente con il quale la nostra Associazione condivide la sua attività e dal quale ottiene attenzione e partecipazione alle sue manifestazioni, quasi in una forma di gemellaggio culturale. L’attività del nostro circolo ha una doppia funzione: sociale in quanto rivolta agli iscritti per i quali si organizzano viaggi e incontri di svago, culturale perché mira a mantenere vivo l’amore per la lirica in un ambiente cittadino oggi dichiaratamente ostile a questa forma di arte. Per questa ragione più volte abbiamo dichiarato di rappresentare gli spettatori, cioè coloro ai quali gli spettacoli lirici sono rivolti, anche coloro che non possono allontanarsi da Padova e quindi, certo, non godono degli spettacoli offerti a prezzi proibitivi da Venezia o da Verona (se non arrampicandosi sulle gradinate).
Grazie quindi alla Regione che con molta oculatezza ha pensato anche ai meno fortunati promuovendo l’opera Li.Ve che vuol rappresentare un contraltare alle Fondazioni più remunerate con rappresentazioni di livello elevato che annualmente ricevono consensi e approvazione dai critici nazionali con un budget decisamente modesto (trattandosi di lirica). Vogliamo comunque precisare con estrema fermezza che per quanto riguarda l’intera Stagione il Circolo non ha mai avuto alcun coinvolgimento né economico, né decisionale non essendo minimamente chiamato a questo compito che è di esclusiva competenza dell’Assessorato alle Manifestazioni. La nostra funzione nel Concorso “Iris Adami Corradetti” è diretta all’aspetto tecnico organizzativo di supporto alla Commissione giudicatrice, ma in alcun modo è mai intervenuta nelle decisioni di tipo finanziario se non mettendoci di proprio; tutti sanno che le associazioni senza scopo di lucro sono gestite in assoluto volontariato e la nostra non fa eccezione. Vogliamo precisare che la nostra presenza alle manifestazioni non è gratuita, ma ci paghiamo l’abbonamento come tutti gli altri spettatori.
 
<< Inizio < Prec. 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 Succ. > Fine >>

Pagina 41 di 51

chi è on line

 18 visitatori online

Cerca


www.yoursite.com
Circolo della lirica